MigraRE: Sardegna chiama Africa

Il progetto, realizzato con il contributo della Fondazione di Sardegna, si prefigge di sensibilizzare e contribuire alla diffusione e al radicamento nella società sarda di accoglienza di valori sociali quali la solidarietà, la comprensione e il rispetto di culture diverse, nell’intento di contribuire al processo di accettazione attiva della collettività straniere presenti nel territorio target e favorendo l’interculturalità.

“MigraRE: Sardegna chiama Africa” è un progetto della durata di tre anni che punta a supportare il migrante nella sua permanenza in Sardegna, coinvolgendolo attivamente nella collettività locale, e agevolando il suo inserimento lavorativo nei comuni siti in aree interne e in via di spopolamento.

Attività del progetto

Analisi psico-sociale attraverso interviste, racconti e testimonianze dirette in un duplice percorso conoscitivo mirato ad analizzare sia i migranti che la società di accoglienza. L’analisi è condotta realizzando incontri con i migranti presenti nelle strutture di accoglienza della Sardegna avviando un percorso di confronto sia con i responsabili dei Centri sia i migranti presenti nelle strutture sull’esperienza dell’accoglienza;

– individuazione e selezione di giovani migranti per la costruzione di un percorso di creazione di impresa nelle aree della Sardegna in via di spopolamento;

– svolgimento di laboratori didattici, di concerto con le imprese e le organizzazioni datoriali, per fornire a 10 giovani migranti, uomini e donne, un supporto nella creazione di nuove imprese in settori produttivi strategici che connotano l’identità economica e sociale della Sardegna, come l’agricoltura e l’artigianato che ben si prestano a essere attivate in contesti in via di spopolamento.

In parallelo con queste azioni:

– incontri con gli studenti delle scuole secondarie della Sardegna coinvolgendo i ragazzi in un percorso di sensibilizzazione e realizzando un’indagine conoscitiva circa le loro conoscenze sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione;

– Organizzazione di giornate formative di educazione al rispetto dell’altro e ai valori dell’accoglienza rivolte agli studenti delle scuole secondarie della Sardegna;

– Azioni di comunicazione con eventi pubblici: conferenza stampa per il lancio del progetto, evento conclusivo pubblico con la partecipazione di esperti delle tematiche migratorie internazionali, testimonianze degli operatori dei centri di accoglienza.

Obiettivi

Il progetto “MigraRE: Sardegna chiama Africa” intende contribuire al miglioramento del processo d’interazione tra cittadini di paesi terzi residenti nel territorio regionale e la comunità di accoglienza, promuovendo la conoscenza dei diritti, dei doveri e delle opportunità fornite dall’ordinamento italiano al fine di coinvolgere gli attori della realtà regionale in un reciproco processo d’interazione. L’intento è quello di costruire un più sereno clima di scambio, di conoscenza reciproca, di riconoscimento delle culture diverse, prevenendo conflitti, distanze ed esclusioni al fine di diffondere un approccio positivo alla diversità e approfondire la comprensione reciproca tra immigrati e società di accoglienza.