MigraRE sbarca a Tortolì: 40 studenti dell’IPSIA protagonisti del laboratorio didattico

I laboratori didattici del progetto “MigraRE: Sardegna chiama Africa sono arrivati all’IPSIA di Tortolì. Erano presenti oltre 40 studenti delle classe quinte.  Dopo il Liceo Scientifico Pacinotti di Cagliari, l’istituto ogliastrino è il secondo della Sardegna ad ospitare un progetto che ha l’obiettivo, attraverso  l’organizzazione di giornate formative di educazione al rispetto dell’altro e ai valori dell’accoglienza, di realizzare un’indagine conoscitiva sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione.  Gli studenti partecipano all’indagine attraverso la compilazione di un questionario realizzato da esperti del settore. Al termine, tutti i questionari, con le risposte fornite dai ragazzi e dalle ragazze delle scuole secondarie dell’isola, costituiranno la base per un’analisi che poi verrà pubblicata e presentata nel corso di un evento pubblico. Nel corso del laboratorio didattico è stato anche proiettato il documentario “Storie di Migrantes”, realizzato dal giornalista Alessandro Aramu e dal regista Carlo Licheri.  L’incontro con gli studenti dell’IPSIA ha rappresentato anche l’occasione per parlare di informazione e ruolo dei media nell’affrontare il fenomeno migratorio in Italia e in Sardegna.

Il progetto “MigraRE”, realizzato con il contributo della Fondazione di Sardegna, si prefigge di sensibilizzare e contribuire alla diffusione e al radicamento nella società sarda di accoglienza di valori sociali quali la solidarietà, la comprensione e il rispetto di culture diverse, nell’intento di contribuire al processo di accettazione attiva della collettività straniere presenti nel territorio target e favorendo l’interculturalità. “MigraRE: Sardegna chiama Africa” è un progetto della durata di tre anni che punta a supportare il migrante nella sua permanenza in Sardegna, coinvolgendolo attivamente nella collettività locale, e agevolando il suo inserimento lavorativo nei comuni siti in aree interne e in via di spopolamento.
 
 
Condividi questo articolo