Arriva il piccolo glossario della migrazione per gli studenti delle scuole sarde

Piccolo glossario della migrazione: si chiama così la nuova pubblicazione dell’Associazione Socialmed realizzata nell’ambito del progetto “MigraRE – Sardegna chiama Africa”. Rivolto a tutti gli studenti delle scuole isolane, il piccolo glossario intende fornire parole e definizioni capaci di definire in modo univoco una serie di termini legati al complesso fenomeno migratorio.  Socialmed, attraverso il progetto finanziato dalla Fondazione di Sardegna, vuole così fornire un’informazione corretta all’opinione pubblica sarda, rivolgendosi proprio alle nuove generazioni.  Lo fa offrendo una definizione dei termini più ricorrenti in materia di migrazione in maniera esauriente e chiara, senza ricorrere ad eccessivi tecnicismi. Per rendere la ricerca più agevole, il piccolo glossario offre una serie di “parole chiave” ordinate alfabeticamente le voci.

“Il glossario – sottolinea il giornalista Alessandro Aramu, presidente dell’Associazione – contiene parole comuni associate con la migrazione, i rifugiati e l’asilo da utilizzare in classe. Proporrò all’Ufficio Scolastico Regionale una collaborazione per fornire questo piccolo strumento a tutti gli studenti delle scuole dell’isola. Molti insegnanti hanno già avanzato una richiesta in tal senso e mi fa piacere che ci sia la sensibilità e il desiderio di fornire ai ragazzi il significato corretto di termini che a volte vengono usati in modo inappropriato e persino con un’accezione negativa”.

Il progetto, della durata di tre anni, si prefigge di sensibilizzare e contribuire alla diffusione e al radicamento nella società sarda di accoglienza di valori sociali quali la solidarietà, la comprensione e il rispetto di culture diverse, nell’intento di contribuire al processo di accettazione attiva della collettività straniere presenti nel territorio target e favorendo l’interculturalità. Il piccolo glossario, oltre ad essere un prezioso strumento di comunicazione, ha l’obiettivo di scardinare i luoghi comuni che spesso inquinano un fenomeno così complesso intorno al quale è compito di tutto fornire informazioni precise e accurate.

Condividi questo articolo